lunedì 3 dicembre 2012

Il miglior amico di Twitter è un falco

Acquistare un'app d'impulso è una cosa che non faccio mai. Ma ieri, bazzicando il Play Store, ho preso un nuovo client per Twitter basandomi solo sugli screenshot e le poche recensioni, comunque entusiaste.

Falcon Pro (uscito dalla beta e ora a €0,79) mi ha dato subito delle buone vibrazioni. Sarà stata l'interfaccia minimalista - come piacciono a me - e l'approccio "artigianale" dello sviluppatore Joaquim Vergès - che traspariva proprio dai pareri di alcuni utenti - molto attento a implementare nuove feature e correggere bug.

La forza del "falco" sta, oltre che nel suo stile minimale, soprattutto nella progettazione dell'interfaccia utente, che con un solo slide a sinistra e un tap permette di raggiungere rapidamente le nostre liste di utenti (che uso moltissimo per leggere organicamente i tweet) o i trend mondiali e locali, mentre con un altro slide a destra e un tap accediamo ai dettagli del nostro account: follower, following, menzioni, DM, preferiti, ricerche.


Altra feature che Falcon Pro implementa molto bene è la visualizzazione dei contenuti multimediali "inline", ovvero incorporare nei singoli tweet le immagini e le preview dei video. Per non parlare dell'efficace browser interno, che consente di leggere agevolmente le pagine web linkate nei tweet, anche in funzione readability.


Ma Falcon Pro nasce in realtà da un'altra app - altrettanto formidabile in termini di usabilità - sviluppata sempre da Joaquim in precedenza. Si tratta di Falcon Widget, a mio avviso il miglior widget per fruire Twitter direttamente da home screen del nostro smartphone Android, e che addirittura potrebbe integralmente sostituire il client Twitter che utilizziamo abitualmente. Le funzioni che offre sono sostanzialmente le medesime di Falcon Pro, accessibili tutte dalla barra funzioni che si trova in cima.


Ovviamente nessuno è perfetto, e anche Falcon Pro ha qualcosa da migliorare. In particolare, a mio avviso, nella gestione del geotagging, che prevede solo le coordinate GPS, mentre dovrebbero essere possibili anche i check in nei luoghi. Inoltre non è consentita la disattivazione della posizione, nel caso avessimo un ripensamento durante la composizione del tweet.

Alcuni utenti nelle recensioni hanno lamentato anche l'assenza della possibilità di gestire più account, che quanto mi riguarda non è essenziale, perché per il multi account continuo a preferire Tweetdeck, anche se avrebbe bisogno di un decisivo aggiornamento.

Ma Joaquim è uno sviluppatore attento, e certamente prenderà in considerazione i consigli di noi utenti...